Campo della Magna Mater

Pannello 42 - Ubicazione

Si tratta di un vasto piazzale triangolare, posto nell’angolo tra il Cardine massimo e le mura in un’area periferica della città adibita ai culti orientali, che ospitava numerosi edifici cultuali: il tempio di Cibele o Magna Mater (divinità della fertilità) (A), il sacello di Attis (mitico pastore amante di Cibele) (C), il tempio di Bellona (dea italica della guerra) (D) e la sede degli Hastiferi (o portatori di lance, che durante le cerimonie eseguivano danze religiose) (E).

Pannello 42 - Figura 1Assonometria dei templi nell’angolo sud-est del santuario
(O. Visca)
Pannello 42 - Figura 2Assonometria ricostruttiva del tempio della Magna Mater
(A. Pascolini)

Il culto di Cibele fu introdotto a Ostia nel I secolo d.C., ma la sistemazione del santuario avvenne nel corso del II secolo d.C.

Nello spazio aperto del santuario si svolgevano i riti iniziatici, che prevedevano l’uccisione di un toro e l’aspersione dei fedeli con il sangue dell’animale (taurobolia).

Pannello 42 - Figura 3Statua di Cibele rinvenuta a Ostia Pannello 42 - Figura 4Antefissa fittile con raffigurazione di Cibele su nave, da Ostia

Vedi anche: